Post Image

Coordinato aziendale - brochure - cataloghi

Il coordinato aziendale: 5 buone regole d’oro per realizzarlo

Il coordinato aziendale è lo strumento che ci permette di presentare la nostra impresa o prodotto ai pubblici che vogliamo incontrare. Per questo motivo, un buon coordinato aziendale progettato graficamente non è fine a se stesso. Al contrario, il coordinato aziendale assume un valore strategico perché ci rende riconoscibili e dunque memorizzabili. In questa direzione, considerata l’importanza di una buona progettazione del coordinato aziendale, abbiamo pensato di scrivere un articolo in cui vi introduciamo alle 5 buone regole d’oro da tenere in considerazione per un coordinato aziendale efficace.

• La prima regola d’oro
• Lo stile
• Le informazioni da comunicare
• I formati tipografici standard. Si o no?
• Impaginazione: le regole di base

La prima regola d’oro

Se come abbiamo detto, lo scopo comunicativo del coordinato aziendale consiste nel presentare la nostra azienda ai nostri pubblici, allora il primo passo consiste nel pensare qual è l’impressione che vogliamo lasciare negli altri quando ci approcciamo a loro.

A questo proposito, lo scrittore inglese Oscar Wilde bene insegna, quando ci dice che “non abbiamo una seconda occasione per dare una prima buona impressione”.

È proprio questa la nostra prima regola d’oro, quella fondamentale, quella che deve indirizzare le intenzioni comunicative alla base della progettazione del nostro coordinato aziendale.

Infatti, anche le altre nostre regole d’oro seguiranno questa nostra prima come linea di principio. Vediamo insieme quali sono.

Lo stile

Due sono le variabili che definiscono lo stile del design per il tuo coordinato aziendale. La prima dipende dal tipo di prodotto che vendi o dal servizio che offri. La seconda tiene conto dei pubblici a cui ti rivolgi. In questo senso, la scelta dello stile alla base del tuo coordinato aziendale sarà un incrocio fra la tua identità aziendale e le aspettative di coloro che riceveranno il tuo biglietto da visita o la tua carta intestata.

Le informazioni da comunicare

Le informazioni che non devono mai mancare nel tuo coordinato aziendale sono le seguenti

• Marchio, Indirizzo sede, Telefono e Fax – nel caso di carta intestata e buste
• Nome, Cognome, Marchio, Cellulare, Mail, Sito o Pagine social – nel caso di materiale personalizzato

Formati tipografici standard. Si o no?

Puntare su formati tipografici standard nella scelta del nostro coordinato aziendale è una scelta sicura. Innanzitutto, è bene sapere che i formati tipografici per la stampa sono standardizzati a livello europeo. Inoltre, puntare su un formato standard permette di avere alcuni vantaggi.

Considera ad esempio il risparmio che puoi ottenere sui costi della stampa – avremo meno scarti di carta se rispettiamo le dimensioni regolari della carta intestata. In più, i formati standard permettono di trasmettere sempre e in ogni caso l’idea di professionalità e si adattano meglio alle esigenze di portabilità. Pertanto, nel caso della scelta dei formati standard per il tuo coordinato aziendale, l’originalità della tua immagine deve essere ricercata nel design del marchio così come nella gestione delle informazioni all’interno dell’impaginazione dei materiali tipografici.

E tuttavia, come nel caso dello stile, anche per la scelta del formato vale la regola di considerare il tipo di attività, i valori e i pubblici dell’azienda. Pertanto, in alcuni situazioni, rompere con gli standard rappresenta una vera e propria strategia di comunicazione. È il caso, ad esempio, di un brand di moda, di artisti e designer, make up artists, florists, professionisti che, data la loro attività, possono anche scegliere fuori formato più originali e creativi.

Impaginazione: le regole di base

L’impaginazione della carta intestata ha le sue regole così come quella di buste e cartelline. Possiamo dire che l’ottimo risultato consiste nel raggiungere l’equilibrio armonico fra testo e immagini. Infatti, entrambi questi elementi occupano uno spazio preciso all’interno del supporto cartaceo.

L’equilibrio grafico è raggiunto quando il peso di testo e immagine, l’alternanza fra i pieni e i vuoti all’interno dello spazio disposto dalla pagina, o dal bigliettino o dalla busta da lettera raggiungono un certo grado di piacevolezza a livello della percezione visiva. In questo modo, bisognerà

• scegliere un font semplice e comprensibile
• Adattare la dimensione del font allo spazio grafico
• Evitare ombre, corsivi e parole sottolineate
• Lasciare respirare testo e immagini

Ti è piaciuto il nostro articolo sulla realizzazione del coordinato aziendale?
Contattaci per un preventivo

Prossimo
Editoria aziendale: come usare il tuo brand